una vacanza speciale – finalmente si parte (3)

camping

Lula passa a prendermi a casa venerdì subito dopo pranzo
I bagagli sono pronti
Zaino, zainetto, materassino, bottiglie d’acqua e borsa con il cibo stanno sull’aia davanti all’ingresso di casa, pronti per essere caricati sulla Vitara
Il sole splende alto, l’aria è pulita
E proprio una bellissima giornata per partire

saluto gatto e famiglia e via… si parte
verso l’avventura

la giornata è iniziata un po’ presto, alle 5.30, con un salto dal medico di guardia per chiedere la ricetta delle medicine per il mal di testa che ovviamente avevo dimenticato a Belluno
Un passaggio attraverso la grata della farmacia di turno e ho il mio prezioso cachet
tempo un’ora e il mal di testa è passato
E in più ho la medicina a disposizione per il viaggio, che non si sa mai

Per il resto, usiamo soltanto prodotti naturali, anche preparati da noi stesse, come l’antizanzare
Lula ha con sé la preparazione sinergica, con un misto di oli essenziali
io un estratto di chiodi di garofano

Facciamo il pieno di gasolio e via!
la meta è San Vincenzo, in provincia di Livorno, da dove domani mattina prenderemo un traghetto alla volta di Pianosa
stasera non si sa dove andremo a dormire
ma in qualche modo ci arrangiamo di sicuro

prendiamo la strada per Volterra, la statale 68, oggi regionale
Guccini non potrebbe più farci una canzone, si è persa la metrica

la vacanza è cominciata e possiamo goderci il paesaggio delle colline toscane fra la provincia di Siena e quella di Pisa

Intorno a Volterra scopro delle installazioni mai viste prima
sono dei grandi cerchi attraverso i quali si vede il paesaggio dei campi sulle colline
una prospettiva nuova, che aggiunge un tocco artistico al nostro paesaggio toscano

A Saline la prima sosta
Beviamo dell’acqua, mangiamo degli snack di semi
la dieta è ferrea e non si sgarra
Thelma & Louise gluten free

ripartiamo

il paesaggio è dolce e si respira già l’aria di mare

Arriviamo a San Vincenzo che è sempre giorno
posteggiamo l’auto vicino al centro, dopo aver evitato il costosissimo park del porto cui eravamo giunte su mia indicazione

Nella piazzetta c’è un mercatino di oggetti etnici.
Lula si sofferma a guardare i tamburi
chiede il prezzo e vorrebbe anche comprarne uno
Bellissimo, dice
La mia preghiera silenziosa è stata esaudita
ci allontaniamo senza tamburo
Pericolo scampato. Per ora

di San Vincenzo avevo un ricordo di chissà quando
sicuramente di una visita fatta con babbo e mamma da bambina
Ricordavo un paesetto senza particolari attrattive
trovo una cittadina di mare dal centro curato, pieno di bei negozi, con le case ristrutturate e un bel porto turistico

è proprio da qui che domani mattina alle 8 partiremo in traghetto alla volta di Pianosa

ma ora c’è da pensare a dove andremo a dormire
chiamo al telefono i numeri di cellulare appesi ai cancelli delle case
ma è tutto pieno
E poi per una notte non vale la pena

Chiediamo un’indicazione alla ragazza che vende i biglietti per Pianosa
ci segnala un campeggio poco fuori San Vincenzo, sulla collina di San Carlo
Anzi, un agricampeggio, come si dice oggi

Le piazzole, molte vuote, sono su un piazzale sotto a dei pini
Ci sono anche delle camere
ma costano più di 100 euro a notte e ci sballano il budget

montiamo la tenda
passando lungo la strada panoramica abbiamo chiesto ad altri bed and breakfast e affittacamere
ma non c’era un solo posto libero

il campeggio è pulito, la struttura è nuova. Ancora in costruzione

dalla collina si vede il mare luccicare in lontananza

Per la cena facciamo da sole, grazie
C’era anche un bel ristorantino (agriturismo Le Rondini di San Bartolo, San Vincenzo, Livorno, telefono 328 5663141)
Ma ormai siamo decise a non sgarrare la (mia) dieta e perché no, a risparmiare il più possibile

Lula accende il fornellino a gas e riscalda le lenticchie biologiche in scatola nel pentolino.
dalla borsa esce un barattolo di verdure speziate fatte da lei
abbiamo anche un piatto in plastica dura e un set di posate a serramanico da escursione
bicchieri in plastica e condimenti: olio bono, sale berbero e pepe nero

dopo c’è anche il dolce
Un barattolino di frutta cotta da me

Zio Paperone ai tempi della caccia all’oro nel Klondike sarebbe schiattato per l’invidia

Sedute su due panchetti pieghevoli, sotto ai pini, davanti al tramonto sul mare
quella sera abbiamo mangiato il cibo più buono del mondo

dopo aver ripulito le stoviglie e risistemato le nostre cose in auto abbiamo tirato tardi, per modo di dire, giocando a burraco ai tavolini dell’agriturismo
ho vinto sempre io (questa volta)

20140719_062759

A letto presto
L’indomani sveglia all’alba
e via verso l’isola di Pianosa

(3 – continua)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in adventure, on The road

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...